close

Lavoro

Comunicati stampaLavoroPescaTerritorio

CORONAVIRUS/ECONOMIA. BALDIN (M5S): VENEZIA E PROVINCIA, SERVE UN PIANO PRE-CRISI, NON SOLO ANTI-CRISI

Baldin (M5S): Venezia e provincia, serve un piano pre-crisi, non solo anti-crisi (immagine da Euronews)

«I primi segnali fanno temere che le conseguenze economiche che il contagio lascerà su Venezia e il suo territorio saranno pesantissime. Per questo è indispensabile fare in fretta, mettere in piedi una serie di confronti immediati tra le categorie, gli amministratori locali e le parti sociali, per avere le idee chiare per il futuro». Erika Baldin, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, guarda con preoccupazione al disorientamento nel tessuto socio-economico del territorio veneziano, e chiede un’unità di intenti che anticipi le conseguenze della crisi post-pandemia, invece di inseguirla.

«Quando il Covid-19 allenterà la presa – prosegue Baldin – e ci troveremo con le macerie nel settore turistico, del commercio, della ristorazione, di attività peculiari come la pesca o gli stabilimenti balneari, dovremo sapere dove mettere le mani, quali strumenti adottare e in che ordine, che richieste fare al governo e alla Regione».

«Bisogna tutelare – osserva la consigliera M5S – tutte le persone che perderanno il lavoro o che lo vedranno ridotto, per i cali prevedibili ad esempio nel settore turistico e del commercio. Il nostro pensiero va alle commesse dei negozi che chiuderanno, agli stagionali del litorale che nessuno chiamerà, agli artigiani che vedono con terrore il dopo-contagio. Dobbiamo proteggerli, perché ci aspetta un cambiamento epocale delle abitudini e della struttura socio-economica. Una mutazione cui Venezia e la sua provincia, che ha l’ampio peso specifico del suo settore turistico, non può farsi trovare impreparata».


(Immagine dell’articolo da Euronews)

read more
Comunicati stampaInfrastrutture e trasportiLavoro

SOSPENSIONE DEI CANONI PER LE AZIENDE PORTUALI. BALDIN (M5S): “AIUTARE IN TUTTI I MODI CHI LAVORA PER IL SOSTENTAMENTO DELLA COLLETTIVITA’”

porto chioggia

Tra le tante realtà produttive che in questo difficilissimo momento continuano a lavorare a beneficio della collettività anche le aziende concessionarie dei porti di Venezia e di Chioggia stanno dimostrando il loro impegno quotidiano.

L’arrivo e lo smistamento di merci necessarie e l’attività logistica conseguente sono un pilastro di questa “resistenza quotidiana”.
Indispensabile quindi un sostegno mirato: in questo senso è importante la circolare dell’Autorità di sistema portuale che comunica la possibilità di sospendere il pagamento dei canoni demaniali fino al 30 settembre. Si tratta di un provvedimento importante a sostegno delle imprese che in queste settimane hanno a che fare da un lato con la diminuzione dei flussi di lavoro, dall’altro perfino con un aumento dei costi per la messa in sicurezza dei lavoratori.

Si tratta di un segnale forte che parte dal Governo, passa dagli amministratori pubblici e arriva alle oltre 1.200 aziende tra Verona e Chioggia che impiegano 21.000 lavoratori diretti o nella filiera.

Erika Baldin, Consigliera regionale Movimento 5 Stelle Veneto

read more
Comunicati stampaLavoroScuola e formazione

Asili nido per tutti ma gratuiti per i redditi più bassi

asili nido veneto

La situazione degli asili nido è critica nel Veneto: riescono ad accogliere solo il 25% dei bambini, e le rette sono sempre più care” dice Erika Baldin Consigliera veneta del Movimento 5 Stelle “Il Veneto risulta essere il fanalino di coda del Nord Est. E’ necessario un immediato intervento per questo servizio strategico alle famiglie.

Condivido pienamente la linea di Conte, che ha sottolineato quanto gli asili nido possano contribuire a combattere le diseguaglianze sociali e favorire l’integrazione delle donne.

Ma non è soltanto una questione di finanziamento al sistema degli asili, bisogna andare oltre. La Lega al governo aveva tanto sbandierato la sua presunta volontà di politica a sostegno della famiglia. In realtà ministri ed esponenti nazionali del partito ci hanno venduto 14 mesi di slogan per avere titoli di giornali.

Dove governa il territorio, come in Veneto, dimostri di voler fare davvero qualcosa. Zaia non si fermi ad allargare i cordoni della borsa per finanziare gli asili, ma impegni la regione in una vera politica per la famiglia iniziando a quelle a favore delle madri lavoratrici e delle famiglie indigenti, smettendola ad esempio di escludere dalle mense i figli delle coppie che non riescono ad arrivare a fine mese.

read more
Comunicati stampaLavoroTerritorio

Mercatone Uno, Ho depositato una Mozione in Regione Veneto per impegnare Consiglio e Giunta a fare il massimo per tutelare i lavoratori

1541687011297.jpg–mercatone_uno_al_via_il_rilancio_con_shernon_holding

Anche qui, come nel resto d’Italia, i lavoratori rischiano seriamente di perdere il posto di lavoro a causa di scelte scellerate dell’azienda, alle quali con il Ministro Di Maio stiamo mettendo un freno.

Ho incontrato i lavoratori di Mercatone Uno a Occhiobello, ai quali ho esposto il contenuto della Mozione che depositato oggi in Regione del Veneto in accordo con i sindacati, per impegnare il Consiglio e la Giunta a fare il massimo per salvare i lavoratori. La Regione Emilia-Romagna si è attivata con tavoli e incontri con le parti sociali e i Comuni chiedendo la sospensione del pagamento dei mutui per i lavoratori del Mercatone Uno; inoltre, anche sulla base di questa iniziativa, le banche impegnate nel Protocollo di anticipazione della cassa integrazione hanno interessato l’ABI per studiare l’applicazione di un protocollo specifico.

Sto proponendo alla Regione del Veneto di fare altrettanto; oltre a ciò ho chiesto di seguire con l’INPS le procedure per lo sblocco delle liquidazioni del TFR ai lavoratori, operazione che risulta essere già stata realizzata in altre realtà regionali, e a sostenere la ricollocazione dei lavoratori presso altre imprese, in particolare del settore, anche con attività di promozione condotte dalla Regione con tavoli ed altre misure, nonché mediante l’attivazione dei Centri per l’Impiego.

Il Ministro del Lavoro Di Maio è al lavoro per risolvere il problema, con un tavolo aperto presso il Ministero e con azioni che stanno dando i loro risultati, come dimostra la retromarcia dell’azienda a seguito della revoca degli incentivi statali. Inoltre, abbiamo posto i presupposti per la cassa integrazione. La trattativa è ancora complessa, ma agiamo sapendo di essere dalla parte giusta, perché è inaccettabile che chi prende soldi dallo Stato italiano pensi di fare le valige, andare all’estero, lasciando in messo a una strada 1.800 dipendenti.

read more
AttualitàComunicati stampaLavoroTerritorio

Occupazione – Baldin (M5S) “Non più passarelle ma fatti concreti per difendere i posti di lavoro alla ‘Ilnor’ di Gardigiano di Scorzè”

Baldin_Ilnor_2

Venezia 3 apr. 2017 – La consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle Erika Baldin informa “di aver portato ieri la mia personale solidarietà e il pieno sostegno del Movimento all’assemblea dei lavoratori della Ilnor’ Spa di Gardigiano di Scorzè, alla luce dell’annunciata chiusura definitiva del sito produttivo, con il rischio concreto che un centinaio di persone possano perdere il lavoro”.
“Hanno tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno – conferma l’esponente Pentastellata – come lo hanno ricevuto da molti altri politici. Mi auguro, tuttavia, che questa ondata di solidarietà non si riduca alla solita passerella ed auspico che ognuno, con fatti ed atti concreti, faccia quanto è nelle proprie possibilità per scongiurare questo ennesimo disastro per l’occupazione veneta”.
“Per quanto mi riguarda – chiosa Erika Baldin – sono vicina ai lavoratori da due anni. Ero appena entrata in Consiglio regionale, quando il personale dell’azienda ha incontrato la Regione per esprimere le proprie paure per il futuro del sito. Sono in contatto con loro e condivido la tristezza di questo momento”.

read more
1 7 8 9
Page 9 of 9