close
Comunicati stampadirittiSanitàTerritorio

LA GIUNTA REGIONALE CONSIDERA 21 MINUTI UN TEMPO “COMPATIBILE” AFFINCHÉ L’AMBULANZA SOCCORRA UN CARDIOPATICO IN CODICE GIALLO

maxresdefault

Venezia, 20 febbraio 2024 – Ventun minuti di attesa dell’ambulanza, per soccorrere un paziente cardiopatico in codice giallo? Per la Giunta regionale del Veneto è tutto normale. Il fatto è accaduto lo scorso 3 settembre 2023 in via Verdi a Jesolo, dove un turista tedesco si era sentito male, accasciandosi a terra: i soccorsi furono invocati immediatamente, ma la risposta arrivò dopo cinque minuti, più i ventuno necessari al mezzo del 118 per arrivare in loco. Il motivo? La carenza di vetture in dotazione all’ospedale di Jesolo in quel momento, impegnate in altri servizi. Così l’ambulanza che, per fortuna e grazie alla professionalità del personale sanitario, ha potuto salvare la vita al turista aveva dovuto muovere da Ca’ Savio.

La questione aveva interessato la Giunta di palazzo Balbi attraverso l’interrogazione che Erika Baldin, capogruppo del MoVimento 5 Stelle, aveva depositato due giorni dopo il fatto, e alla quale è stata data risposta solo martedì in aula, durante la seduta di Consiglio: «Premesso che un caso simile si era verificato già nel 2020, con esiti fatali -spiega la consigliera- il fatto che il paziente avesse subìto già due interventi di applicazione di bypass al cuore doveva essere considerato un’aggravante, non un’attenuante per attribuire il codice giallo. Come se ricevere un codice giallo dia diritto a una sanità meno veloce ed efficace».

Sia i primi sintomi, sia la diagnosi di dismissione dall’ospedale furono concordi nell’escludere tuttavia l’infarto del miocardio: «Nella sua risposta -ricorda Baldin- l’assessore Calzavara ha dichiarato che, sebbene i mezzi siano stati impegnati contestualmente in più missioni, i tempi di arrivo dell’ambulanza sono stati valutati pienamente compatibili con le necessità del paziente». Nel territorio di competenza dell’ULSS 4 sono sette le ambulanze adibite al soccorso avanzato fin dal 2019, a fronte di un fabbisogno di cinque, oltre all’incremento estivo.

«Ciononostante -argomenta l’esponente del M5S- oltre venti minuti non possono comunque essere considerati un intervallo breve, o in linea con la normalità. Occorre purtroppo tener conto delle condizioni viabilistiche delle aree interne: non si contano più situazioni consimili, di ambulanze rimaste imbottigliate nel traffico lungo strade obbligate come la Romea o quelle del Veneto orientale. Da Isolaverde a San Donà, da Adria a Jesolo, episodi come questi faticano a rientrare nel rango dell’asserita eccellenza veneta».

Che va garantita non solo tentando di rispettare le liste di attesa alle visite e prestazioni ambulatoriali, né solamente curando adeguatamente ogni patologia, ma anche assicurando sempre l’abbattimento dei minuti di interventi nei casi di urgenza: «Meno male che stavolta è andata bene -conclude Erika Baldin- altrimenti, dovesse accadere ancora, sarebbe veramente difficile non attribuire la responsabilità al sistema sanitario regionale. Specie in una delle maggiori località turistiche, che potrebbero subire contraccolpi di presenze ove le persone che arrivano (e naturalmente quelle che risiedono in maniera stabile) non avessero certezza di essere curate tempestivamente in caso di necessità. Anzi, riducendo le loro stesse aspettative di vita».

erika baldin

The author erika baldin

Leave a Response